“ALLA PORTA DEL CIELO” (Testo e musica dei Reale- ©Reale 2016)

LA-                                               MI-                                     SOL
CON LE PAURE, I DUBBI !E QUESTA CARNE DEBOLE,
                                                RE
CON LA MIA FRAGILITÀ,
LA-                                              MI-                                        SOL
HO COSTRUITO E SON CADUTO IN MILLE TRAPPOLE,
RE
PUR DI UN PO’ DI LIBERTÀ.
SI-                                            DO                        SI-                                   RE
E IN QUEL MIO BUIO TI SEI RIVELATO, FINO A CONDURMI QUA, E….

MI-           DO                SOL            RE     MI-                       DO        SOL            RE
VOGLIO RICOMINCIARE DA ZERO, ATTRAVERSANDO LA PORTA DEL CIELO,
MI-                                                    LA-
URLARE AL MONDO SPAVENTATO E DELUSO:
DO                                                RE
PUOI SPERARE ANCORA, ESISTE IL PARADISO!
MI-           DO                 SOL             RE        MI-                       DO                 SOL          RE
VOGLIO RICOMINCIARE DAVVERO, ATTRAVERSANDO LA PORTA DEL CIELO,
MI-                                                 LA
PADRE, TRASFORMA OGNI PECCATO IN SORRISO
DO                                                   RE                                                (STRUM. MI- DO SOL RE)
E FACCI ARRIVARE TUTTI IN PARADISO!

LA-                                                      MI-                              SOL
VOGLIAMO ESSERE ORDINARIA STRAORDINARIETÀ,
RE
LUCI NELL’OSCURITÀ
LA-                                        MI-                              SOL
E TESTIMONI DELLA TUA MISERICORDIA,
RE
NELLA QUOTIDIANITÀ.
SI-                                         DO                             SI-                                RE
ED ANCHE CHI SEMBRA PIÙ LONTANO TI SI AVVICINERÀ,…

RIT

                       SOL                                DO                      MI-                                 RE
PIÙ CADO GIÙ, !PIÙ SEI CON ME , PIÙ CADO GIÙ, !PIÙ SEI CON ME
               SOL                              DO
PIÙ CADO GIÙ, !PIÙ SEI CON ME
MI-                                                                                DO                                            RE
DAMMI LA FORZA DI ESSERE UN DONO DI PACE PER CHI È ATTORNO A ME

RIT

Servizio con Carattere

Challenge nazionale regione Nord… Ortigara, a cavallo tra maggio e giugno 2015. Esattamente 100 anni prima su quei luoghi si fronteggiavano gli eserciti italiano ed austro-ungarico.
Pensate a quale coraggio abbiano dovuto avere quei giovani, molti anche in età da Rover, per affrontare tali situazioni. Una delle tante eredità che una guerra lascia ai posteri è quella delle canzoni. Da sempre infatti la musica ha fatto parte della vita dei soldati nei campi di battaglia o nelle retrovie. Accompagnate da un testo facilmente memorizzabile, vennero composte per aumentare il senso di appartenenza ad un gruppo, per sollevare gli animi oppure per esorcizzare la paura della morte, sempre in agguato. Altre invece narrano di amori lontani, di speranze, di lontananza dalla casa e dall’affetto materno o glorificano le gesta eroiche esaltandone il coraggio e il sacrificio. Chissà se qualche volta, magari durante le nostre Route o Campi Mobili, abbiamo ripercorso i loro sentieri faticando e canticchiando questi canti che sanno di imprese e storie di vite lontane, come ad esempio il canto “Ta pum” del 1918, a descrivere proprio la vita sugli Altipiani e sull’Ortigara. La maggior parte dei canti che possiamo ascoltare oggi da cori alpini o di montagna hanno origine proprio in quegli anni. Quei ragazzi, i primi che probabilmente le cantarono, erano lì per uno scopo ben preciso: servire la propria Patria.
Purtroppo lo fecero combattendo una guerra, giusta o sbagliata che fosse.

E noi oggi chi serviamo e come?
Cosa c’entra tutto questo, direte voi, con le guerre, le cime dei monti, i fanti, il nemico? Forse possiamo riattualizzare il tutto nel nostro vissuto quotidiano, nel nostro servire di tutti i giorni. I fanti, nella loro giovane età, rispondevano a una chiamata alle armi che forse non volevano. Noi, Rover e Scolte, nella nostra giovane età, invece, cerchiamo di rispondere liberamente a una Chiamata che nasce nel cuore.

Chiamati per servire.
Ma come? In che modo?
Quali sono le nostre armi per meglio servire e respingere il nemico?
Quali paure mi impediscono di donarmi completamente al servizio del prossimo?
Come i fanti siamo in cammino lungo una strada fatta di arrivi e partenze, lunghe marce, con discese, tratti pianeggianti e dure salite. Come loro cerchiamo di respingere il nemico che non è sempre così visibile: è il nostro egoismo, il nostro compiacimento, il nostro apparire. E allora spesso ci nascondiamo o ancor peggio indietreggiamo, consapevoli che le nostre armi non sono sufficientemente potenti per respingere i suoi attacchi!

È forse una disfatta?
No se tiriamo fuori il carattere e chiediamo di avere la forza di essere un dono per gli altri. Affidiamoci a Lui. Qui sta la nostra forza, il nostro rispondere “ECCOMI”, il nostro essere donne e uomini di carattere. Capire che non siamo soli nonostante i nostri limiti e debolezze. Anzi proprio quando cadiamo giù, nel buio più oscuro capiamo tante cose… e… ci rimbocchiamo le maniche ricominciando da zero. Allora il mio sì al servizio sarà una risposta alla vita e non alla morte, un donarsi totalmente perché l’altro è un mio fratello bisognoso e non un nemico. Non bisogna essere eroi di guerra ma uomini e donne che vogliono testimoniare il loro essere ordinaria straordinarietà, senza scuse e senza ma.
C’è allora una canzone che possa caricare i nostri “fanti” speciali nel cammino del loro servizio quotidiano?
La canzone dei Reale: “Alla porta del cielo” credo che possa essere una buona carica per affrontare con carattere e con gioia qualsiasi servizio ci verrà richiesto.

Marisa Licursi – Federico de Col

Tagged with: , , , , , , , ,