Telo, come ti tiro?

da | Giu 5, 2018 |

Tirare un telo è forse l’attività più praticata nella vita di uno Scout ed è anche la prima cosa che si fa una volta arrivati sul posto dell’Uscita. Grazie ai teli si può cucinare sul fuoco anche sotto un temporale, rimanendo (più o meno) asciutti.
Tuttavia, tirare un telo non è così semplice e richiede qualche piccola attenzione. Ecco dei consigli per fare un buon lavoro.

1.Quando scegli il luogo per l’angolo di Squadriglia, considera anche la posizione degli alberi. Se ce ne sono troppi o se sono molto vicini, non riuscirai mai a tirare un telo per bene.
2.Se invece non ci sono abbastanza alberi, puoi sempre sostituirne due con un paio di pali recuperati sul posto e fissati con due tiranti ciascuno. Con due angoli legati agli alberi e altri due legati ai pali, il telo reggerà comunque.
3.Per tirare un telo, inizia sempre a fissare due angoli opposti, agli estremi della diagonale. Sarà più facile ottenere un buon risultato.
4.Il telo deve sempre essere perfettamente tirato e senza “parti molli”. Fai la prova della penna o della biglia: lascia scorrere uno di questi oggetti sul telo tirato e il suo “percorso”sarà lo stesso dell’acqua. Se la penna o la biglia non cadono a terra,
probabilmente anche l’acqua non lo farà e si formerà una pozza.
5.Se il telo a tua disposizione è troppo grande per la conformazione del bosco, può essere una buona idea piegarlo a metà, per farsi sì che sia ben teso.
6.Se uno degli angoli del telo ha l’anello di metallo rotto, non disperare. Basta prendere un piccolo sasso, arrotolarci sopra l’estremità del telo (come per incartare una caramella) e bloccare il tutto con il cordino che userai come tirante.
7.A volte è necessario infilare un palo sotto il telo per tenerlo più in alto o per far scorrere meglio l’acqua. Il palo sarà trattenuto dalla tensione del telo ma, per evitare di rovinarlo, copri l’estremità superiore con del giornale o con uno straccio.
8.Sempre per incanalare meglio l’acqua verso il basso, può essere utile tirare un paio di anelli laterali verso il basso con un tirante o con la massa di un sasso appeso.
9.Ultimo consiglio:i teli non servono solo per ripararsi dalla pioggia ma anche dal vento, che spesso fa percepire un freddo più rigido della temperatura reale. Quindi, se non si prevede pioggia, tira un telo in verticale, come fosse un muro contro il vento. Sentirai molto meno freddo.

  • Hai mai provato a…
Togliere la corteccia dalla legna bagnata? All’interno la legna sarà molto più asciutta.
  • Hai mai provato a…
Mettere la legna ancora bagnata vicino al fuoco? Comincerà ad asciugarsi e quando la caricherai, il fuoco non subirà l’effetto dell’umidità.
  • Hai mai provato a…

Raccogliere legna secca ma ancora attaccata agli alberi? Di solito è molto più asciutta rispetto a quella già caduta a terra. Il fuoco ti ringrazierà.