L’impresa della Squadriglia Formiche

da | Gen 18, 2019

La Squadriglia Formiche ha la sede vicino a un piccolo parco naturale comunale, un luogo dove spesso svolge le sue attività. Le cartine a loro disposizione però non vengono aggiornate da molti anni: per questo non compaiono alcuni sentieri di recente realizzazione, e giochi e attività di Riparto ne risentono. La Squadriglia Formiche si è accorta del problema, ha pensato una soluzione e si è rimboccata le maniche per metterla in pratica: ha deciso di organizzare un’Impresa di Topografia per creare una nuova cartina del parco, utilizzando la tecnica del percorso rettificato e dello sviluppo topografico. Ha svolto quindi anche un’Impresa di Servizio per tutto il Riparto.
La Squadriglia Formiche ha la sede vicino a un piccolo parco naturale comunale, un luogo dove spesso svolge le sue attività. Le cartine a loro disposizione però non vengono aggiornate da molti anni: per questo non compaiono alcuni sentieri di recente realizzazione, e giochi e attività di Riparto ne risentono. La Squadriglia Formiche si è accorta del problema, ha pensato una soluzione e si è rimboccata le maniche per metterla in pratica: ha deciso di organizzare un’Impresa di Topografia per creare una nuova cartina del parco, utilizzando la tecnica del percorso rettificato e dello sviluppo topografico. Ha svolto quindi anche un’Impresa di Servizio per tutto il Riparto.

Materiale:
• Bussola 
• Carta millimetrata (fogli A4 e A2)
• Goniometro
• Righello
• Penna, matita, gomma
• Radioline

REALIZZAZIONE
1.Dividetevi in due o tre gruppetti così da lavorare su più zone contemporaneamente. Ogni gruppo partirà da un punto più avanzato rispetto al precedente, così da procedere più in fretta. Utilizzate le radioline per comunicare in modo efficace tra di voi.
2. Ogni gruppo deve realizzare il percorso rettificato del proprio tratto di sentiero. Bisogna segnare su un foglio di brutta:
• azimuth della direzione che percorrete
• numeri dei passi
• elementi significativi o paesaggistici a destra e a sinistra della strada
• elementi di rilievo sul sentiero (ruscello, ponte, fossato, ferrovia…)
3.Una volta percorsi tutti i sentieri della zona che vi interessa e dopo aver raccolto tutti i dati, si passa alla creazione dello sviluppo topografico. Mettete nell’ordine giusto i vari percorsi rettificati.
4. Per una zona abbastanza ampia si può utilizzare un foglio di carta millimetrata a2. Scegliete la scala e cominciate a realizzare lo sviluppo topografico, partendo dal punto che avete scelto come inizio:
• con il goniometro riportate i gradi dell’azimuth
• con la scala trasformate i passi (i metri) in centimetri.
• segnate la strada e gli elementi a destra e a sinistra del sentiero, utilizzando i segni topografici
Potrebbe accadere che un tratto di strada esca dal foglio: continuate attaccando un nuovo foglio come estensione. Poi sistemerete tutto nella versione definitiva.
5.Ricopiate il lavoro fatto su un altro foglio, in bella. Fate attenzione alla resa grafica dei vari simboli topografici e siate precisi: usate il righello e magari anche colori diversi.
6.Sullo sviluppo, che è diventato la vostra cartina, scrivete la scala utilizzata e la legenda dei simboli topografici. Disegnate una rosa dei venti per indicare il nord.
7.Plastificate il vostro lavoro per non rischiare che si bagni o che si stropicci.