PERCHÉ LA VOSTRA GIOIA SIA PIENA

Giro: Mi Si Do#- Si
Mi                Si
Perché, la vostra gioia sia piena
  Do#-          Si
Perché, la vostra gioia sia piena (x2)
Mi
Prendi tra le mani, prendi il mio Amore
Si
donalo a chi soffre, nel suo dolore
Do#-
vivi sulla strada, è il tuo destino
Si
lascia che Dio guidi, guidi il tuo cammino.
Apri le tue mani dona la tua vita
non tenerla stretta tra le tue dita
ora tocca al cuore aprilo al mondo
gioca la tua vita e sia fino in fondo.
(Rit)

Chiedi ciò che è vero, ti sarà dato
per vivere l’Amore Dio ci ha creato
resta unito a me vivendo le parole
se così farai sarà ciò che Lui vuole.
Sentirai che scende dal cielo bellezza
riconoscerai la sua tenerezza
se tu porti in te, le mie parole
da te fiorirà ciò che Dio vuole.
(Rit)

Giro: Mi Si Do#- Si
Sogno di Dio, da Lui sei nato
vita divina ti ha generato
se poi rimani nel mio Amore
vivrà pienezza nel cuore.
Perché la vostra gioia sia piena
restate uniti a me nel profondo.
Perché la vostra gioia sia piena
vivete il mio Amore nel mondo.
Perché la vostra gioia sia piena restate
(Perché la vostra gioia, restate)
uniti a me nel profondo.
Perché la vostra gioia sia piena vivete
(Perché la vostra gioia, vivete)
il mio Amore nel mondo.
Fa                   Do                      Re-
Perché la vostra gioia sia piena restate
(Perché la vostra gioia, restate)
Do
uniti a me nel profondo.
  Fa               Do                    Re-
Perché la vostra gioia sia piena vivete
(Perché la vostra gioia, vivete)
Do
il mio Amore nel mondo.
Perché la vostra gioia sia piena restate
(Perché la vostra gioia, restate)
uniti a me nel profondo.
Perché la vostra gioia sia piena vivete
(Perché la vostra gioia, vivete)
il mio Amore!!
Fa#                  Do#               Re#-
Perché la vostra gioia sia piena restate
(Perché la vostra gioia, restate)
Do#
uniti a me nel profondo.
Fa#             Do#                   Re#-
Perché la vostra gioia sia piena vivete
(Perché la vostra gioia, vivete)
      Do#
il mio Amore nel mondo.
Perché la vostra gioia sia piena restate
(Perché la vostra gioia, restate)
uniti a me nel profondo.
Perché la vostra gioia sia piena vivete
(Perché la vostra gioia, vivete)
il mio Amore profondo per voi!!

Link canto: https://www.youtube.com/watch?v=YEY4De0bC94

Per trasmettere il messaggio affidatole da
Cristo, la Chiesa ha bisogno dell’arte.
Essa deve infatti rendere percettibile e, anzi,
per quanto possibile, affascinante il mondo
dello Spirito, dell’invisibile, di Dio
(Giovanni Paolo II, Lettera agli artisti, 12)

 

La mano è lo strumento più importante dell’uomo.
La mano comunica, crea, lavora e gioca: accarezza, sfiora, protegge, porge, dipinge, scolpisce, dirige, suona… Sono gesti e azioni quotidiane che esprimono comunicazione, affetto, sentimenti forti dell’animo umano come l’amore, la gioia, la fatica, ecc..
Sono i gesti e le azioni quotidiane di molte espressioni artistiche. Penso allo scultore, al mimo, al pittore, al prestigiatore, allo scrittore, al ballerino, al direttore di un coro, al musicista.
Tutte queste “abilità manuali”, comunque, non s’improvvisano.
Sono il frutto di un lungo esercizio, di un lungo apprendistato che si perfeziona nel corso degli anni.
Lo strumento musicale suonato da mani esperte allora diventa anche uno strumento privilegiato che educa all’ascolto, all’accoglienza, favorisce il raccoglimento e ci mette in relazione con la realtà dell’uomo e con il Signore.
Uno strumento musicale in mano a una persona innamorata di Dio poi diventa veramente frammento di luce e di gioia nel luogo dove suona e nel cuore delle persone.
Quanti Rover e Scolte suonano degli strumenti?
Spesso sono strumenti diversi dalla chitarra, tanto che vengono un po’ messi da parte perché o scomodi o troppo delicati da portare in uscita o ai campi. Penso a quanti suonano magari strumenti come violino, violoncello o altri ad arco, strumenti a fiato come flauti traverso, sax, oboe, tromba. Spesso per vergogna, o per pigrizia questi vengono usati poco o per nulla perché ritenuti inadeguati. Invece potrebbero essere un valore aggiunto soprattutto nelle veglie e nelle celebrazioni perché con la loro peculiarità riescono a creare armonie uniche e a toccare l’anima in modo speciale. Il linguaggio musicale è efficace perché non intende dimostrare qualcosa, ma mostrare in modo avvincente e coinvolgente la verità in esso contenuto e quest’arte non è fine a se stessa. Musica, arte e poesia sintonizzano le anime con Dio, perché creano una specie di ponte tra la creatura e il Creatore di ogni armonia.
Il linguaggio dell’arte e della musica diventano una proposta di evangelizzazione rivolta all’uomo; una proposta capace di provocare in lui una adesione libera e liberante.

«L’arte riesce a trasferire in formule significative
ciò che è in se stesso ineffabile»
(Giovanni Paolo II, Lettera agli artisti, 12).

La via della bellezza della musica allora puo’ aprire la strada della ricerca di Dio, disporre il cuore e la mente all’incontro col Cristo, lasciarsi interpellare e interrogare dalle proposte del Vangelo.
Perché allora la nostra gioia e quella dei nostri fratelli sia piena dovremmo essere noi stessi strumenti nelle mani abili di Dio e suonare «come una meravigliosa sinfonia che Dio stesso ha composto e la cui esecuzione Egli stesso, da saggio maestro d’orchestra, dirige»
(Papa Benedetto Discorso, 18.11.06)

Marisa Licursi – Federico De Col

Pubblicato in Articoli, Guida la Tua Canoa Taggato con: , , ,